9 risposte a incredibili domande sui supervulcani

Articolo originale scritto da Karley Nugent e pubblicato il 12/06/2017 sul sito www.yellowstonenationalparklodges.com nell'articolo "9 Supervolcanoes Questions Answered"

Traduzione a cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova)

yellowstone super volcano

 

Un’enorme camera magmatica, larga dai 48 ai 72 km, si trova a 5-16 km sotto la superficie del parco nazionale dello Yellowstone. Questa vasta cavità di roccia fusa forma il vulcano di Yellowstone ed è, di fatto, uno dei supervulcani più grandi al mondo. Nonostante questo, il vulcano non rappresenta una minaccia immediata per i visitatori del parco, anzi: esso alimenta la vita nello Yellowstone, e capire questo aspetto può aiutare a mitigare le vostre potenziali paure.

Di seguito riportiamo nove domande frequenti e le relative risposte riguardo il supervulcano dello Yellowstone.

1. Cos’è un supervulcano?
Con il termine “supervulcano” ci riferiamo a un vulcano in grado di eruttare più di 390 km cubi di magma. Due delle tre eruzioni principali dello Yellowstone hanno soddisfatto questo criterio, perciò esso viene considerato un supervulcano.

2. Qual è la differenza tra un vulcano e una caldera?
Una caldera è un bacino enorme simile a un cratere che si forma dopo un’eruzione vulcanica e/o dopo il collasso di un vulcano.
Un vulcano è un camino o una fessura collegata ad una camera magmatica e può emettere lava o gas attraverso la superficie della Terra.

3. Il vulcano di Yellowstone ha mai eruttato?
Sì. La caldera dello Yellowstone è stata creata da una precedente eruzione vulcanica, avvenuta all’incirca 640.000 anni fa. L’ultima eruzione del vulcano risale a 174.000 anni fa e creò l’area West Thumb del lago di Yellowstone.

4. Il vulcano Yellowstone erutterà a breve?
Il vulcano è attivo, ma non ci sono segni che suggeriscono imminenti eruzioni disastrose. Gli esperti del Servizio Parco Nazionale e altre agenzie monitorano il vulcano da più di 30 anni e hanno notato piccoli cambiamenti nell’attività geologica. Anche se possibile, non è prevista nessuna grande eruzione vulcanica durante i prossimi 1.000-10.000 anni.
Il vulcano potrebbe comportarsi in modo diverso, però, e il personale del parco è stato addestrato per controllare ogni possibile pericolo e reagire prontamente per proteggere gli ospiti del parco.

5. Come fanno gli scienziati a sapere che lo Yellowstone non erutterà?
Gli scienziati dell’Osservatorio Vulcanico dello Yellowstone (in inglese Yellowstone Volcano Observatory, YVO) controllano una serie di rilevatori sparsi in tutta la regione. Questi rilevatori registrano qualsiasi movimento forte o improvviso o cambiamenti nella temperatura che indicherebbero un aumento dell’attività vulcanica. Al momento non c’è alcun segno di questi cambiamenti. Inoltre, gli scienziati dell’YVO collaborano con altri scienziati in tutto il mondo per studiare i pericoli del vulcano Yellowstone. È possibile vedere i dati attuali su terremoti, movimenti del terreno e flusso dell’acqua nel sito dell’YVO.

6. Yellowstone è davvero sicuro da visitare nonostante il vulcano?
Sì! Il vulcano è ciò che determina le incredibili caratteristiche termali di Yellowstone e alimenta il parco in molti modi diversi. Al momento non c’è alcun segno di un’imminente eruzione.

7. Come viene controllato il pericolo di eruzione dallo staff del parco?
Il monitoraggio del vulcano è attivo 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, ed è uno sforzo di gruppo: gli esperti controllano degli strumenti specifici per registrare costantemente l’attività vulcanica nel parco. I dati raccolti sono condivisi con altri scienziati in tutto il mondo per mantenere un registro efficiente ed accurato di tutte le informazioni raccolte dalla caldera.

8. Con quanto anticipo si può dare l’allarme in caso di eruzione?
Grazie al progresso degli ultimi 25 anni nella ricerca e nella comprensione del vulcano, gli scienziati credono che ci sarà un largo preavviso sulle eruzioni. La previsione di possibili eruzioni è stata una grossa parte del recente avanzamento scientifico.
Secondo gli scienziati dell’YVO l’allarme per qualsiasi attività significativa del vulcano potrebbe essere lanciato da qualche settimana, a mesi, fino a qualche anno prima dell’eruzione effettiva. Segni di una possibile eruzione comprendono terremoti intensi e deformazioni estreme del terreno, tutti aspetti controllati dall’YVO. Tuttavia, è importante ricordare che terremoti e cambiamenti nell’ambiente (come i bacini termali) sono piuttosto comuni nello Yellowstone e non indicano un’eruzione imminente.
La YVO lavora insieme all’agenzia per la rilevazione geologica degli Stati Uniti (in inglese U.S. Geological Survey), all’Università dello Utah e agli specialisti del parco.

9. In caso di eruzione, il parco come diffonderà la notizia?
Il personale del parco ha preparato un piano per diffondere con efficacia ed efficienza informazioni di emergenza attraverso un centro comunicazioni attivo 24 ore su 24. Questo sistema di comunicazione avvisa i visitatori del parco, i dipendenti, le comunità vicine e altre entità, incluse le agenzie governative.

Detta semplicemente, il Parco Nazionale dello Yellowstone non esisterebbe senza vulcano. Esso è il cuore pulsante del parco che, aiutato dalle magnifiche montagne, alimenta le sue caratteristiche termali, contribuisce alla sua vegetazione e molto altro ancora. Ci sono molte prove che dimostrano che la Terra è viva a Yellowstone, grazie al vulcano sotto la superficie. Non è qualcosa di cui dovremmo avere paura, ma qualcosa che dovremmo rispettare.

Per maggiori informazioni sul vulcano e la caldera dello Yellowstone visitate la pagina FAQ sul vulcano dei Servizi del Parco Nazionale o il Centro Visitatori del Canyon Village.