ricercaslidetagliata

Matteo 1 AIUTO STO CADENDO... IN UN BUCO NERO!

 A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova)

 Matteo Bachetti si è laureato in fisica all’Università di Cagliari e ha sempre avuto un debole per l’astronomia. Con il suo dottorato si è specializzato in astrofisica e, dopo qualche anno in Francia, ora è ricercatore stabile all’Osservatorio Astronomico di Cagliari, dove studia soprattutto i buchi neri.

 

 

 

 

 

Com’è possibile “vedere” i buchi neri?

La stragrande maggioranza delle stelle sono in coppia: una stella orbita attorno ad un’altra stella, e per questo si chiama “compagna”. Lo stesso vale per i buchi neri, che sono riconoscibili proprio grazie al loro “compagno”. Un buco nero, infatti, diventa “visibile” solo quando sta facendo qualcosa a ciò che gli sta intorno.

Ma cosa si vede esattamente di un buco nero?

Quando viene attratta da un buco nero, la materia inizia a girare intorno al buco formando un grande disco caldo e l’attrito (ossia lo sfregamento) al suo interno, insieme ad altri fenomeni, lo fa scaldare tantissimo. La materia raggiunge così una temperatura di milioni di gradi e inizia ad emettere raggi-x. Noi, quindi, possiamo “vedere” e studiare un buco nero attraverso l’analisi dei raggi-x emessi dalla materia che sta per caderci dentro.

Tu cosa studi in particolare?

Ci sono molte cose da studiare dei raggi-x emessi intorno a un buco nero. Io mi concentro sulla loro variabilità nel tempo. I buchi neri, curiosamente, possono essere invisibili ai raggi-x per mesi o anni, poi all’improvviso ne emettono un sacco per qualche settimana, forse per delle instabilità nel disco di materia che gli ruota intorno. Studiando come variano nel tempo le emissioni dei raggi-x possiamo capire caratteristiche importanti del buco nero: ad esempio, dalla frequenza di certe oscillazioni riusciamo a stimarne la massa.

Cosa ti piace di più del tuo lavoro?

Mi piace fare cose mai fatte prima e sono stuzzicato dalla possibilità di scoprire cose nuove, di capire un po’ meglio la natura e comprendere cosa succede nell’universo che ci circonda.

PIA18845