ricercaslidetagliata

CONFINI A PASSEGGIO Quando lo scioglimento dei ghiacci modifica i confini tra le nazioni... e l'aiuto arriva anche dall'arte! A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova) Italian Limes è un progetto artistico-scientifico che invita a riflettere sul tema dei confini. Il cuore del progetto è un’installazione interattiva in cui un braccio meccanico disegna su una mappa gli spostamenti del confine tra Italia e Austria. Ma come fa un confine a muoversi? Ce lo spiega Marco Ferrari, architetto dello studio Folder e co-ideatore del progetto. Com’è nato Italian Limes?Il progetto è nato da un invito della Biennale di Venezia a presentare una proposta per la mostra “Monditalia”. Per l’occasione abbiamo voluto esplorare il contrasto dell’Europa di oggi, in cui sulla carta sono definite le linee di confine, ma nella realtà le frontiere sembrano svanite. È stato durante...
Geologia e tecnologia spaziale La tecnica InSAR: i satelliti al servizio della Terra A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova) Simone Fiaschi ha concluso da poco un dottorato in Geologia all’Universitá di Padova. Durante le sue ricerche si è specializzato in una tecnica dal nome un po’ difficile: l’Interferometria Radar Satellitare, abbreviata nella sigla InSAR. Si tratta di una tecnica che unisce geologia e tecnologia spaziale per vedere spostamenti piccolissimi della superficie terrestre e delle costruzioni umane. Ma lasciamo che sia Simone a spiegarcela... Simone, in cosa consiste l’Interferometria Radar Satellitare? Si tratta di una tecnica che sfrutta i satelliti che orbitano a 700-800 km di quota: questi emettono delle microonde (le onde radar) che colpiscono gli oggetti presenti a terra e vengono riflesse verso i satelliti stessi. Grazie a questi satelliti ci vengono fornite delle particolari immagini della...
La Terra in crisi Quando le eruzioni vulcaniche sconvolgono la vita del nostro Pianeta A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova) Sara Callegaro lavora in Norvegia, all’Universitá di Oslo. Il suo gruppo di ricerca studia i grandi sconvolgimenti vulcanici avvenuti in passato sul nostro pianeta. L’abbiamo incontrata per scoprire quali effetti hanno avuto questi eventi sulla vita sulla Terra. Sara, il tuo gruppo di ricerca si chiama “Crisi della Terra”. Cosa si intende con questo nome? In molti credono che l’estinzione dei dinosauri, causata in parte dalla caduta di un asteroide, sia l’unica estinzione di massa avvenuta sul nostro pianeta. In realtà, ci sono state molte grandi estinzioni nel corso della storia della Terra, cinque solo negli ultimi 500 milioni di anni. Qualche anno fa si è trovato un elemento comune tra tutte queste estinzioni: non un asteroide, ma...
Una geologa alla ricerca della vita... su Marte A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova) Gli astrobiologi sono scienziati che cercano la vita al di fuori della Terra. Barbara De Toffoli è una di loro: al secondo anno di dottorato in Geologia Planetaria all’Università di Padova, studia la superficie di Marte per scovare gli ambienti dove potrebbe esserci vita, di oggi o del passato. Come mai i geologi studiano Marte? Sui pianeti rocciosi (detti “terresti”) del nostro sistema solare, come la Terra e Marte, i processi che modellano la superficie sono simili, perciò un geologo può applicare ciò che sa della Terra ad un altro pianeta. In che modo cerchi la vita su Marte? Studio la superficie di Marte per vedere quali possono essere dei centri di emissione di gas metano, perché questo sulla Terra è spesso...
L’ARTE DELLE ROCCE Affascinanti fotografie, utili per la scienza… e per l’arte! A cura di Laura Paneghetti, Master in Comunicazione delle Scienze (Università di Padova) Bernardo Cesare è professore di Petrologia all’Universitá di Padova. Per lavoro studia le rocce, e per divertimento le fotografa, creando immagini artistiche. Conosciamolo insieme! Prof. Cesare, quali rocce studia e perchè? Io mi occupo di rocce metamorfiche: rocce che nascono da altre giá esistenti che, a causa dei movimenti della crosta terrestre, vengono portate a grandi pronfonditá e alte temperature, perció si trasformano. Il loro studio permette di capire i cambiamenti della crosta terrestre e le condizioni in cui si sono formate le montagne. Studia qualcosa in particolare nelle rocce metamorfiche? Negli anni mi sono specializzato nello studio dei “nanograniti”: inclusioni molto piccole di magma che si trovano all’interno dei cristalli e che si sono formate durante la fusione parziale (ovvero...

Su cosa lavorano gli scienziati? Quali sono gli argomenti che affronta oggi la ricerca? Facciamocelo raccontare da articoli e interviste!